venerdì 27 agosto 2010

Sei mesi - l'appartenenza

Di certo non mi appartieni, piccolo mio. di certo sei tuo e di nessun altro, e sono io ad essere tua, perchè così mi sento e non per una regola dettata da chissà chi. di certo sono TUA MADRE e lo sarò per sempre. di certo, infine, è nostro l'amore che ci unisce indissolubilmente.

abbiamo iniziato lo svezzamento, e ho capito che non saremo per sempre inseparabili. che non ti basterà più, un giorno, la mia compagnia, come oggi non ti basta più il mio seno e tendi le manine al pane, al gelato e al porchetto arrosto. che avrai voglia e bisogno di altro, di altri, e vorrai andare lontano, vorrai andare per la tua strada.
era un onore e un privilegio allattarti ogni tre ore, sapere che non potevi farne a meno. con lo svezzamento, che hai accolto con l'entusiasmo tuo solito, inizia il distacco, anche se ancora viviamo in simbiosi. ma non sei più il fagotto caldo che mi portavano in stanza le ostetriche, in ospedale.

ti guardo diventare forte e caparbio, volitivo e gioioso, e non mi prendo nessun merito particolare perchè sento che sto solo assecondando la tua crescita.

vorrei starti accanto sempre, vorrei essere capace di amarti senza soffocarti e senza tenerti lontano dagli altri. vorrei essere (o diventare?) una madre degna, e guardarti crescere comprendendo che già ora sei, in nuce, l'uomo che diventerai.

piccolo mio, oggi compi sei mesi e mi osservi accigliato con una maschera di minestrina spalmata su metà viso, brandendo il cucchiaino con orgoglio.
appesi all'anta dell'armadio ci sono il vestito di mamma, l'abito di papà e il tuo completino per il matrimonio di domani. e questa per me è l'immagine che parla di noi oggi: siamo una famiglia, e tu ne fai parte a tutti gli effetti,
sei un piccolo uomo.

ti amo

7 commenti:

  1. Che dolcezza, mi hai fatto commuovere... Auguri!

    RispondiElimina
  2. Anch'io ad ogni piccola grande conquista di Tia gioisco ed al tempo stesso mi rendo conto di quanto ogni giorno, insieme a lui, cresca la sua indipendenza. Per certi versi, negli anni, cambierà il nostro modo di essere madre, cresciamo insieme a loro, ma rimarrà costante l'amore che ci unisce, nella speranza, come dici tu, di essere madri degne.

    RispondiElimina
  3. mi hai fatto scendere una lacrimuccia..oggi che mi sento un po' fragile...:)
    un abbraccio!

    RispondiElimina
  4. davvero commovente...meravigliose queste parole!

    RispondiElimina
  5. @ tutte: grazie... da me e dall'ometto!!! ;)

    RispondiElimina

E' bello scambiarsi le opinioni...o anche solo farsi un saluto... Grazie!