martedì 28 giugno 2011

Sedici mesi e un giorno

Mio piccolo uomo, siamo arrivati a questo traguardo importante.
ti guardo camminare sicuro di te, scalzo e col costumino bagnato dopo il tuffo in piscina, col cracker in una mano e il bicchierino dell'acqua nell'altra, e non capisco come siamo arrivati fin qui.
ti ho davvero cresciuto io, giorno dopo giorno, stagione dopo stagione? sì, io e il tuo papà.
ti ascolto chiacchierare nel tuo affascinante idioma, cambiare intonazione come hai sentito fare a noi grandi, ti osservo mentre afferri il melone e lo annusi come hai visto fare a me al supermercato, ti metto a letto cotto dopo una mattinata di giochi selvaggi tutto sporco di pomodoro, e in un sospiro ti lasci andare soddisfatto sul cuscino.
studio il tuo viso e ci vedo me, tuo padre, di nuovo me e me e di nuovo tuo padre, e mi commuove la sintesi di due persone così diverse in un ometto così piccolo ma già "maturo" nelle sue espressioni, nelle sue intenzioni, da essere assolutamente unico e originale.

ti muovi spedito nel mondo, benedetto dall'amore e dalla serenità di una famiglia che ti ama, protetto dai nostri sguardi sempre meno apprensivi, scegli il libro da sfogliare, mangi da solo col cucchiaio, cadi e ti rialzi, piangi e ti consoli, e io non posso che guardarti, guardarti e guardarti e commuovermi a amarti forte, e sostenerti se serve e pregare che rimanga sempre tutto così, che tu sia sempre saldo sui tuoi piedini e bello e felice e pieno di sogni.

sogno, io, di darti pace e sicurezza e coraggio, e appigli saldi per ogni evento, ogni piccolo imprevisto della tua vita, e una famiglia che sia un porto gioioso, e abbracci che non soffochino i tuoi slanci, e parole che non sovrastino le tue, e desideri che non si sostituiscano mai, mai, ai tuoi.

sii felice piccolo mio, impara la benevolenza e l'autonomia e la difficile arte della sincerità, cammina deciso verso la tua bellissima vita, e tienici per mano, vicini a te, fin quando lo vorrai.

9 commenti:

  1. questi bimbi innalzano l'anima.
    ti sento proprio vicina :)

    RispondiElimina
  2. sì, ma non vale! qua mi si fa piangere! eh, no...

    RispondiElimina
  3. concordo con cocchina... ci sono persone psicolabili che di fronte a certe parole non riescono a trattenere le lacrime!!! Oh!

    RispondiElimina
  4. Che bell'inno all'amore che hai dedicato al tuo bambino! E' vero: anche io mi sorprendo a stupirmi alcuni giorni, e mi lascio sorprendere dallo stupore di trovarmi davanti una persona sempre più autonoma e formata. ma che meraviglia che è questa vita?

    RispondiElimina
  5. PS
    scusa se non mi sono presentata. Giungo da te per tramite Owl. Leggo ora la tua presentazione e... buffo! io sono Romana di nascita, sangue sardo nelle vene e toscana di elezione, e pure un po' di radici (ma questo non c'entra con te!). Potrei considerarmi il tuo canone inverso!

    RispondiElimina
  6. Meravigliose parole!!
    E una continua meraviglia loro ;-)

    RispondiElimina
  7. @ tutte: grazie, grazie davvero, che belle che siete :)

    @ suster: benvenuta, canone inverso! passo a trovarti! :)

    RispondiElimina

E' bello scambiarsi le opinioni...o anche solo farsi un saluto... Grazie!